La ritenzione idrica, cioè l'accumulo di liquidi nell'organismo, è un problema abbastanza diffuso che colpisce soprattutto le donne e causa un gonfiore anomalo in alcune zone del corpo come addome, cosce, glutei e caviglie.

La causa più comune della ritenzione idrica è il sovrappeso, ma può esser causato anche da intolleranza al lattosio o da una alimentazione non equilibrata. Per capire se ne siete affetti basta premere un dito su una coscia per un paio di secondi: se, dopo aver tolto il dito, l'impronta è ancora ben visibile, probabilmente soffrite di ritenzione idrica.


Per combattere la ritenzione idrica basta seguire questi piccoli accorgimenti:

- Bere molta acqua: bisogna berne almeno un litro e mezzo al giorno, perché se il corpo non è sufficientemente idratato, come “meccanismo di difesa”, trattiene l'acqua che va ad accumularsi negli spazi tra una cellula e un'altra, causando così gonfiore.

- Evitare i cibi salati: quando si mangiano troppi cibi salati il corpo trattiene liquidi per bilanciare naturalmente le dosi.

- Aumentare il consumo di frutta e verdura:  per proteggere i capillari e migliorare la circolazione.

- Mangiare cibi con alto contenuto di magnesio: ad esempio avocado, spinaci, nocciole, mandorle, noci, datteri, semi di zucca, riso integrale, piselli, carciofi e fichi. Se nel corpo mancano sufficienti dosi di magnesio, non funziona bene e trattiene i liquidi.

- Condurre uno stile di vita sano: in generale evitate di bere alcolici, di fumare, di bere troppo caffè, di mettere abiti troppo stretti o tacchi troppo alti. Il vostro corpo vi ringrazierà.

- Svolgere attività fisica: fare esercizio fisico regolarmente e con moderazione. Niente sollevamento pesi o sport aerobici, meglio una tranquilla passeggiata in mezzo al verde.