Tutti gli elettrodomestici di uso comune con il tempo vanno incontro ad usura e in parte questo è dovuto anche alla mancata o inadeguata manutenzione. Organizzare periodicamente delle procedure di pulizia più dettagliata, oltre a garantirne il corretto funzionamento può farci risparmiare la spesa di interventi tecnici e di nuovi acquisti. 

In questo caso vediamo in che modo è possibile tenere pulita e senza odori la lavastoviglie in tre passaggi, servendoci solo di ingredienti che abbiamo comunemente in dispensa.

Primo passo: smontare le parti interne removibili e il filtro di lavaggio

La prima cosa da fare è assicurarsi che all’interno della lavastoviglie non vi siano residui di cibo, o frammenti di vetro incastrati tra i vari componenti o nel filtro di lavaggio che potrebbero ostacolare il passaggio dell’acqua. 

Se presenti rimuoverli con un panno morbido.

Secondo passo: fare un ciclo di lavaggio con aceto

Per eseguire questa procedera la lavastoviglie deve essere vuota. Poni al centro di un cestello una ciotola contenen te aceto bianco, e procedi con un ciclo di lavaggio con acqua bollente. L’aceto oltre a rimuovere i residui di grasso esercita un’azione che neutralizza gli odori.

Terzo passo: fare un secondo lavaggio con il bicarbonato

Loading...

Al termine del lavaggio con l’aceto, rimuovi la ciotola dalla lavastoviglie e cospargi il suo interno con una manciata di bicarbonato di sodio. Non è necessario azionare il ciclo di lavaggio lungo, purchè sia eseguito con acqua calda.