I puntini neri sulle "elitre" (ali) delle coccinelle variano dai quattro ai dieci. La presenza  di una coccinella con sette puntini neri è rara, pertanto trovarla porta fortuna!

La coccinella ha questa elegante livrea variegata e multicolore, la cui funzione è quella di essere un’arma passiva e psicologica contro i predatori insettivori.

Serve quindi per avvertire il nemico e tenerlo alla larga. 

Il suo colore brillante e i puntini neri a contrasto servono per scoraggiare i predatori, i quali sanno per istinto che sono colori di soggetti che possono risultare tossici, se mangiati.

 

Le armi di difesa che la coccinella usa per distogliere l’ attenzione sono la lentezza dei movimenti, e poi l’ emissione dalle zampe di un liquido giallastro dall’odore sgradevole. Nel suo sangue inoltre vi è presenza di sostanze che provocano nausea e vomito.

Una volta che il predatore, dopo varie esperienze negative, avrà imparato ad associare sensazioni di disgusto e di pericolo alla particolare colorazione delle coccinelle, eviterà con cura di cacciare gli insetti con tali caratteristiche. 

Tanto che le coccinelle non tentano neppure di mimetizzarsi!

Loading...

 

Solo coccinelle rosse con puntini neri?

No, esistono anche le coccinelle gialle. Si tratta della Thea Punctata, una specie di coccinella divoratrice di insetti ed acari nocivi (afidi, cocciniglie) quindi utilissima per le piante in generale.

 

Nei racconti mitologici le coccinelle sono legate alle dee della fortuna e dell’abbondanza, grazie al loro colore rosso, considerato di buon auspicio. 

Quando una coccinella si posa sul palmo della nostra mano, esprimiamo un desiderio e poi soffiamola per farla volare via.   Lei ci porterà fortuna!