Sappiamo bene che, con l’avanzare dell’età, la pelle tende a rilassarsi e a perdere tonicità, soprattutto quella del viso ed in particolare quella delle palpebre. Dopo i 40 anni si assiste ad un rilassamento della cute che porta la palpebra superiore ad appoggiarsi leggermente su quella inferiore. Di norma questa “discesa” della palpebra non comporta alcuna difficoltà nella funzione palpebrale, tuttavia a livello estetico è poco gradevole. E’ bene sapere però che, se non si è di fronte a casi piuttosto importanti, di solito basta qualche accorgimento o qualche trucchetto naturale per alleviare o quanto meno rallentare il fastidio delle palpebre cadenti.

Cause

Prima di scoprire come contrastare le palpebre cadenti in modo naturale, andiamo a scoprire quali sono le cause che ne facilitano la comparsa. Diciamo innanzitutto che il fattore età ha un ruolo importante, con il passare degli anni il collagene della pelle tende a diminuire e la cute perde naturalmente elasticità. Vi sono però alcuni comportamenti, indipendenti dall’età, che facilitano la comparsa delle palpebre cadenti. Ad esempio un’eccessiva esposizione al sole, soprattutto se non protetta, provoca un invecchiamento della pelle ed il conseguente rilassamento delle palpebre. Anche l’abuso di alcol o il fumo contribuiscono alla comparsa delle palpebre cadenti, così come la cattiva abitudine di “stropicciarsi” eccessivamente gli occhi. Tutte queste cattive abitudini portano alla perdita di elasticità e quindi alla comparsa delle palpebre cadenti.

Ecco allora che sorge la necessità di contrastarle o prevenirle, qual’ora fossimo state breve da non assumere atteggiamenti sbagliati. Come sempre la natura ci aiuta ed anche in questo caso ci offre soluzioni facili ma efficaci, ci sono però oltre ai rimedi naturali, alcuni comportamento o buone abitudini che ci vengono in aiuto, vediamoli insieme.

Rimedi naturali

  • Fette di patata o cetriolo: appoggiare fette di patata o di cetriolo sugli occhi riduce il gonfiore e rende la pelle più tonica, soprattutto se le fette sono tenute in frigorifero e le applichiamo fredde. Applichiamo per 10 minuti le fette di patata, quindi per altri 15 minuti le fette di cetriolo, noteremo subito un miglioramento, la palpebra sembrerà più tonica.
  • Filtri della camomilla: appoggiare i filtri (le bustine) utilizzati per la camomilla sugli occhi può apportare giovamento in caso di palpebra cadente; attenzione però, anche in questo caso le bustine dovranno essere ben fredde. Andranno poi appoggiate sugli occhi e tenute in posa per almeno una ventina di minuti. In pochi giorni si noteranno miglioramenti.
  • Uva: il consumo abituale di uva può aiutare a contrastare il fastidio delle palpebre cadenti agendo dall’interno. Nell’uva infatti sono contenuti tanti antiossidanti e il resveratrolo capaci di ritardare l’invecchiamento cutaneo e mantenere così le palpebre toniche ed elastiche.
  • Tè verde: il tè verde è ricco di antiossidanti perciò agisce più o meno come l’uva, ma il tè verde, oltre che gustato, può essere usato, una volta raffreddato, anche per la preparazione di impacchi da applicare nella zona del contorno occhi.

Buone abitudini

  • Riposo: sappiamo che dormire fa bene alla pelle, è bene quindi riposare serenamene ed il giusto numero di ore, in questo modo si avrà una buona detossificazione della cute ed il processo riparatore cellulare sarà attivato correttamente.
  • Acqua fredda: sciacquare il viso con acqua fredda la mattina può essere di aiuto nel contrasto alle palpebre cadenti. Risciacqui rapidi e ripetuti con acqua fredda aiutano la pelle a riacquistare tonicità ed elasticità.
  • Cubetti di ghiaccio: anche passare cubetti di ghiaccio, rapidamente, nella zona del contorno occhi aiuta a rendere tonica la pelle, inoltre gioverà anche in caso di gonfiore.
  • Ginnastica facciale: eseguire alcuni specifici esercizi di ginnastica specifica per il viso può aiutare a contrastare le palpebre cadenti, oltre che eventuali rughe intorno agli occhi.