Anche se il mondo è andato avanti, ci sono cose che ci piace fare esattamente come un tempo, specialmente in cucina . Preparare gli alimenti come facevano le nostre nonne offre il vantaggio di mangiare in modo sano ed equilibrato e di evitare tanti piccoli e grandi disagi.

Ad esempio, gran parte dei disturbi digestivi di cui soffriamo al giorno d’oggi derivano da impasti lievitati poco o male . Questo è il motivo per cui un numero sempre maggiore di persone ha deciso di tornare ad impastare usando il  “lievito madre” , o  “pasta madre”

Di certo ne hai sentito parlare, ma qui puoi leggere di cosa si tratta e come farlo con le tue stesse mani.

Una volta fatto, il lievito madre richiede solo un’accortezza in più degli altri tipi di lievito che puoi usare. Essendo un alimento, per così dire,  “vivo”, deve essere “rinfrescato” , altrimenti inacidisce e non resta altro da fare se non buttarlo via.

Fonte: assoupaspossible.com share

Devi osservare con attenzione il lievito madre che conservi in frigorifero: soprattutto devi annusarlo . Questo lievito infatti funziona attraverso la conversione degli zuccheri presenti nell’impasto in anidride carbonica ed etanolo. La prima fa lievitare la massa, formando le tipiche bolle; il secondo evapora. Un lieve odore acidulo è quindi del tutto normale.

Se però la pasta è del tutto inacidita non c’è niente da fare: questo può accadere se la conservi per più di venti giorni senza rinfrescarla. Per mantenere invece sempre “viva” la tua pasta madre, non devi fare altro che procedere in questo modo all’incirca ogni tre settimane.

Loading...

Non temere! Il procedimento è molto facile, ma attenzione: non ha niente a che vedere con la prima preparazione. Per rinfrescare la pasta madre, ovvero, non devi assolutamente usare miele o zucchero perchè così facendo altereresti gli equilibri dei lieviti. Gli ingredienti che ti servono solo solo acqua e farina .

Fonte: sillmarilli.com share

E in che misura? Pesa la tua pasta madre: ti serve lo stesso quantitativo di farina, ma solo la metà dell’acqua . Questo è tutto: impasta acqua, farina e lievito madre, unendo gli ingredienti nell’ordine che preferisci. Qualora la pasta madre avesse formato uno strato superficiale un po’ indurito, toglilo prima si rinfrescarla.

Se vuoi, puoi usare diversi tipi di farina per fare questa operazione . Ciò darà vita a nuove colonie di lieviti con effetti molto interessanti tutti da sperimentare. Buon lavoro!