La melanzana (Solanum Melogena) coltivata originariamente in Indiagià 4000 anni fa, appartiene alla famiglia delle piante Solanaceae , contenenti una sostanza tossica chiamata  “solanina”

Per tale motivo le melanzane devono essere consumate obbligatoriamente cotte. Esistono diverse varietà di questo ortaggio , per forma e colore, tra le quali possiamo trovarne di tonde, di lunghe e di violacee. 

Grazie all’elevato contenuto di acqua,  il  92% circa , la melanzana viene   considerata un’ ottima alternativa per depurare l’organismo , ridurre i livelli   di colesterolo “cattivo” LDL  e contrastare i radicali liberi per merito dell’alta concentrazione di acido clorogenico, sostanza dal forte potere  antiossidante .

La melanzana è un ortaggio molto versatile: può essere cotta in diversi modi, in pentola a pressione, al vapore, alla piastra, al forno, ma se la preparazione richiede un tegame con dell’ olio , come nel caso della frittura , allora ci ritroveremo con delle vere e proprie spugne, e talvolta potranno risultare anche diffcili da digerire.

Leggi anche: ’ Come cucinare la melanzana americana

Come evitare che le melanzane assorbano troppo olio mentre le friggiamo? Con un piccolo trucco preliminare, che prevede l’utilizzo di semplice albume d’uovo. 

Procedura per ridurre l’assorbimento dell’olio delle melanzane fritte

Occorre avere un paio d’uova, una padella antiaderente ed un pennello da cucina!

– Lavare, asciugare e tagliare le melanzane a fette.

– In una ciotola separare gli albumi dai tuorli e sbatteteli.

 Spennellare di albume le fette di melanzana da ambo i lati, in modo che si crei una patina quasi “impermeabile” all’olio.

– Adagiare nella padella antiaderente leggermente unta con un cucchiaio di olio, o in alternativa una noce di burro e il gioco è fatto.

La parmigiana di melanzana ora sarà più leggera e digeribile.