Menù

I Bignè di San Giuseppe per la Festa del Papà

Condivisioni
bignè di san giuseppe
Leggi con attenzione

Il 19 marzo per il calendario liturgico cristiano è la Festa di San Giuseppe, il padre putativo di Gesù. Questa ricorrenza è molto sentita perché in Italia coincide, e in altri Paesi di tradizione cattolica, con la Festa del Papà. Il papà è un uomo, e si sa che gli uomini vanno presi per la gola: perché dunque non preparare i bignè di San Giuseppe per la Festa del Papà?

I bignè di San Giuseppe sono dolci tipici della tradizione culinaria romana. Spesso vengono confusi con le zeppole di San Giuseppe, che sono dolci napoletani anch’essi preparati soprattutto in occasione della Festa del Papà. Bignè e zeppole sono però diversi per forma e consistenza: i primi sono ripieni, le seconde sono delle ciambelline.

Pare che all’origine della ricetta dei bignè di San Giuseppe ci sia però la stessa leggenda che ha segnato la nascita delle zeppole: quella di “San Giuseppe frittellaro”. Pare infatti che il sant’uomo, ai tempi della fuga in Egitto, per sbarcare il lunario vendesse frittelle in strada. I bignè di San giuseppe fritti, infatti sono i più graditi, ma se preferisci puoi anche preparare i bignè di San Giuseppe al forno, sicuramente più leggeri e digeribili. Ecco nel dettaglio la loro ricetta!

Ingredienti dei bignè di San Giuseppe

bignè di San Giuseppe
Credits: monicaskitchen.it

Ecco gli ingredienti per i bignè di San Giuseppe per sei persone:

  • 200 ml di acqua
  • 180 grammi di farina 00
  • 3 tuorli d’uovo
  • 50 grammi di burro
  • 20 grammi di zucchero
  • 90 grammi di zucchero a velo
  • un pizzico di sale
  • 500 ml di olio extravergine di oliva

I bignè di San Giuseppe vengono farciti con la crema pasticcera. Per prepararla servono:

  • 500 ml di latte
  • 4 uova intere e 2 tuorli
  • 4 cucchiai di farina 00
  • 4 cucchiai di zucchero semolato
  • la scorza di un limone

Preparazione dei bignè di San Giuseppe

bignè di San Giuseppe
Credits: chepreparo.it

Preparare i bignè di San Giuseppe richiede una certa dimestichezza poichè tante sono le insidie che possono compromettere il risultato finale. Per prima cosa metti l’acqua in un pentolino e ponilo sul fuoco. Versa nell’acqua lo zucchero e il burro, con un pizzico di sale. Mescolando, fai bollire il tutto e togli la pentola dal fuoco. Aggiungi la farina setacciata, mescola fino ad eliminare tutti i grumi, poi riemetti sul fuoco. Continua a rimestare con un cucchiaio di legno finché l’impasto dei bignè non si stacca dalle pareti.

Leggi anche  Cuciniamo con i cachi: 5 gustose ricette

Spegni il fuoco, aggiungi le uova e i tuorli, mescola ancora con cura e lascia riposare l’impasto per un paio d’ore. Se desideri bignè di San Giuseppe più gonfi, puoi aggiungere all’impasto un paio di cucchiaini di lievito per dolci.

Loading...

Nel frattempo prepara la crema pasticcera per farcire i bignè.

Metti il latte sul fuoco e a parte mescola zucchero e tuorli. Unisci al latte appena scaldato e porta ad ebollizione. Aggiungi poco alla volta la farina setacciata e una scorzetta di limone, che poi toglierai. Mescola fino a che la crema non si addensa, poi spegni la fiamma e lascia riposare, mescolando di tanto in tanto.

Bigne di San Giuseppe fritti

Scalda l’olio a fiamma viva e quando è ben caldo forma delle palline con l’impasto aiutandoti con un cucchiaio. Gettale nell’olio bollente, aspetta che si gonfino, poi tirale fuori e falle asciugare per bene su un foglio di carta assorbente. Con una sacca da pasticciere, quando i bignè si sono freddati, riempili con la crema.

Bignè di San Giuseppe al forno

Per cuocere i bignè di San Giuseppe al forno, prepara le palline di impasto direttamente sulla teglia rivestita di carta forno, distanziandole tra loro. Metti in forno a 170 gradi per circa 17 minuti, fin quando non appariranno ben dorati. Anche in questo caso, lasciali raffreddare, prima di riempirli con la crema.

I tuoi bignè di San Giuseppe sono pronti per essere gustati! Cospargili con lo zucchero a velo e buon appetito! I bignè di San Giuseppe sono un dolce tipico per la Festa del Papà, ma puoi cucinarli anche per il Carnevale.

Loading...
Advertisement
Top