Menù

Lillà coltivazione, caratteristiche e usi

Condivisioni
lillà-farlofacile
Leggi con attenzione

Come coltivare la pianta di lillà? Scoprilo con questa breve guida

Il fiore di Lillà è uno degli omaggi più eleganti e romantici che esistano al mondo, tanto da nascondere una leggenda le cui protagoniste sono le Fate. Si racconta infatti che amassero circondarsi di questi fiori per allontanare le negatività e purificare ogni luogo che pensavano fosse infestato da demoni.

lillà-farlofacile
Pixabay

Il fiore di lillà assume significati differenti a seconda del suo colore, dalla purezza del lillà bianco sino all’amore appassionato del lillà viola. Nonostante questo dettaglio in alcuni paesi è uso donare questo fiore per trasmettere la rottura del legame sentimentale. Conosciamo insieme le sue caratteristiche, usi e come coltivarlo in casa.

Lillà caratteristiche della pianta

Il fiore del syringa – nome botanico del lillà – fa parte della famiglia delle oleacee che si trovano in Estremo Oriente, Asia settentrionale e Persia. In Europa è stata importata successivamente da un vivaista dal nome di Victor Lemoine che ne migliorò la struttura al fine di renderla perfetta per le varie tipologie di clima freddo e umido.

Crescono come piccoli alberi con vari tronchi che distribuiscono in un’unica siepe. La loro chioma è folta e può raggiungere un’altezza che arriva sino a 4 metri.

La pianta di lillà fiorisce da aprile a maggio con bellissimi fiori di diverso colore – rosso purpureo, rosa, blu e viola – che si aprono in tanti grappoli in modalità semplice oppure doppia e dal profumo molto delicato, non invasivo.
Questa tipologia di pianta è molto resistente e antica, tanto da non aver necessità di particolari tecniche di giardinaggio: nonostante questo è bene avvalersi di una terra buona, nutrita, calcarea e che abbia tanto sole (meglio se in autunno).

Lillà come coltivarlo

La coltivazione del lillà, come accennato, non richiede delle doti tecniche, ma è necessario seguire alcuni consigli al fine di ottenere una pianta ricca di fiori dai colori intensi. Prima di tutto è bene sapere che i lillà si coltivano da settembre sino a maggio e che non sono particolarmente esigenti.

Loading...
Leggi anche  Come coltivare il rosmarino nel vaso o nell’orto

La pianta di lillà preferisce tuttavia terra calcarea ripulita da sassi ed erbacce.  Si acquista in un vivaio all’interno di un contenitore di plastica e  per idratare la zolla prima di rinvasarla è consigliato lasciarla qualche minuto all’interno di un secchio d’acqua.

Procedere poi come segue:

  • Preparare una buca profonda con larghezza di circa 50 cm, dove verrà posto una manciata di fertilizzante al fine di ottenere una grande riserva di cibo;
  • Ricoprire con uno strato di terra che viene composta da terriccio da piantagione, slegando le radici e posizionando la pianta facendo in modo che la parte superiore coincida con il livello del suolo;
  • Ricoprire adesso la buca con terriccio, terra del posto per attecchire al meglio, creando una piccola conca per l’annaffiatura che dovrà essere con circa 15 litri di acqua (così da assestare tutto);
  • Potare un terzo dei rami per farla irrobustire.
  • La pianta va annaffiata regolarmente con 15 litri di acqua ogni 15 giorni considerando il clima; in autunno utilizzare un fertilizzante tipo rosaio così da mantenere la sua vegetazione sino all’arrivo della primavera.
  • Non è richiesta una potatura specifica per fiorire al meglio, ma nonostante questo è necessario tagliare rapidamente i fiori secchi e i ramoscelli deboli, fragili e non in armonia con gli altri.

Usi del lillà

Decotto di lillà come si prepara

Il lillà ha molti utilizzi terapeutici soprattutto per chi soffre di stress, nervosismo e male allo stomaco e pressione alta. Tra gli usi del lillà e per ottenere tutte le sue proprietà è possibile preparare un ottimo decotto di lillà utilizzando la sua corteccia.

Fai bollire 10 grammi di corteccia di lillà in 350 ml di acqua per circa 10 minuti, facendolo successivamente raffreddare. Filtrare il contenuto e dolcificare con del miele alla lavanda, così da rafforzare il potere calmante.

In alternativa procedere mescolando 4 gocce di olio essenziale di lillà nell’acqua del bagno caldo così da alleviare tensione, ansia e stress.

Loading...
Advertisement
Top