Avere un piccolo orticello in casa è il desiderio di molte persone, soprattutto per coloro che hanno una predilezione per il giardinaggio. 

Se, in particolare, siete amanti della camomilla, sappiate che è possibile coltivarla anche in casa, vi starete chiedendo come? 

Ecco qui di seguito alcuni semplici consigli per coltivare la camomilla in un vaso. Innanzitutto, bisogna dire che, la camomilla oltre che per preparare degli ottimi infusi ad azione calmante, e dalle proprietà emollienti, è bella anche come pianta da ornamento, grazie ai suoi graziosi fiorellini che la caratterizzano e al profumo che emanano. 

La camomilla, è una pianta abbastanza semplice da coltivare in quanto non necessita di cure particolari. 

Ma vediamo nel dettaglio, come avere una bella pianta di camomilla in vaso.   

Semina 

Per la semina della camomilla, il terreno non deve essere scavato eccessivamente in profondità, per evitare problemi nello sviluppo delle radici. Poi, mentre si procede alla semina bisogna far attenzione a considerare la distanza tra una pianta e l’altra sia che la stiate coltivando in un vaso o in un giardino. Di norma, è bene distanziare le piantine tra loro, di circa 40 cm, per farle crescere bene senza che si intralcino a vicenda.   

Clima 

La pianta di camomilla si adatta bene sia al freddo invernale, che al caldo e al sole estivo. 

E’ una tipologia di pianta che sopporta le gelate, ma anche il caldo estivo. Però, fate attenzione alla posizione, infatti, la camomilla necessita della luce diretta del sole per poter crescere, quindi non mettetela nelle zone ombrose, dove non avrebbe abbastanza illuminazione.

Innaffiatura e Concimazione 

L’innaffiatura della camomilla, deve essere effettuata regolarmente, in modo che il terriccio sia sempre umido, ma senza esagerare innaffiandola troppo.  

La fase della concimazione è fondamentale per la pianta di camomilla, questa deve essere concimata in modo regolare, dalla stagione primaverile sino a quella autunnale. 

Quando concimate la camomilla, fate attenzione ai parassiti, che devono essere eliminati, per la buona salute della pianta. 

Se poi, volete spostare la pianta in un vaso più grande potete farlo sia nei mesi primaverili, che in quelli autunnali. Però, utilizzate per il rinvaso, un terriccio molto ricco di materie organiche, aiuterà la vostra camomilla a crescere rigogliosa.        

La Raccolta 

Per quanto riguarda, la raccolta dei fiori di camomilla, questa deve essere fatta nel periodo di fioritura della pianta. 

Se volete preparare degli infusi e tisane con la vostra camomilla, procedete a tagliare i fiori, poi fateli essiccare in un luogo buio, ma ventilato, per evitare la formazione di muffe, per circa due o tre giorni. 

Appena essiccate, riponete i vostri fiori di camomilla in barattoli di vetro a chiusura ermetica, in un luogo che sia fresco e non umido. 

Quando avrete voglia di una tisana rilassante potrete così  avere i vostri fiori sempre a disposizione, senza bisogno di andare a comprarli.