Che sia la fede nuziale, o un anello comprato in qualche mercatino rionale, ci siamo affezionati. E non vorremmo mai togliercelo di dosso. Eppure ci sono situazioni in cui è necessario sfilarsi gli anelli dalle dita , magari inaspettatamente (e velocemente): se dobbiamo eseguire accertamenti diagnostici (come risonanza magnetica o radiografie), o ci accorgiamo di un edema al dito , causato dall'eccessiva pressione dell'anello. 

La cosa peggiore è quando ci rendiamo conto che non riusciamo proprio a levarlo! Può capitare se siamo recentemente aumentati di peso, in estate o durante la gravidanza (in cui gli arti tendono a gonfiarsi) o se soffriamo di patologie a carico dell'ossatura, che nel tempo hanno modificato la struttura delle nostre dita.

Ci proviamo, prima delicatamente, poi accanendoci sempre più contro l'ornamento che fino poco prima adoravamo, scoprendo che i nostri tentativi sono assolutamente inutili. E poi... panico ! Ed ora? Nella nostra mente si susseguono immagini angoscianti: il fabbro maldestro che opera con strumenti di fortuna, ferendoci al dito (e addio anello), o, peggio, la necrosi delle estremità. 

Per nostra fortuna, c'è chi ha risolto brillantemente il problema, e vale proprio la pena essere a conoscenza di questo geniale trucco , per evitare futuri disastri!

Ecco come sfilarsi l'anello, salvando gioiello e dita!

Le soluzioni più efficaci sono spesso quelle più semplici . Basta avere con sé un filo, sottile ma robusto. Il filo da pesca sarebbe l'ideale, ma è piuttosto difficile esserne provvisti, a meno di non essere grandi appassionati di tale attività; in alternativa, il filo interdentale si presta perfettamente all'operazione.

Procediamo così: inseriamo il filo tra l'anello e il dito , aiutandoci con un piccolo strumento, come delle forbicine o una spilla da balia. Lasciamo fuoriuscire almeno 5 cm di filo oltre l'anello, tenendolo fermo con il pollice. Ora avvolgiamolo lungo il dito, stringendo moderatamente, fino a raggiungere l'ultima falange. Riprendiamo quindi la parte di filo che trattenevamo con il pollice, e, girando nello stesso verso in cui lo abbiamo avviluppato, tiriamo in direzione dell'unghia. Come per magia, oltre al filo, dal nostro dito si sfilerà anche l'anello incastrato


In caso di dita piuttosto gonfie, questo è il metodo più efficace. Esistono comunque anche altri modi, altrettanto semplici, per sfilarsi un anello dal dito. 

Se in borsa abbiamo sempre un burro di cacao , lo potremo utilizzare per ungere sia l'anello che il dito: il grasso in esso contenuto ci aiuterà ad ungere la parte rendendola abbastanza scivolosa per far scorrere l'anello. Anche con il sapone liquido possiamo lubrificare il dito interessato fino a far scivolare via tutti gli anelli che abbiamo; quest'ultima soluzione è applicabile anche fuori casa, recandoci nella toilette di un bar per liberare finalmente le nostre dita!