Arriva il caldo, l’afa e la percentuale di umidità dell’aria arriva a livelli spropositati e verrebbe voglia di accendere i  condizionatori impegnandoli in un surplus di lavoro non indifferente. Tra l’altro non sono economici ed ovviamente non tutti hanno la possibilità di installarne uno. E poi... siamo sicuri che i condizionatori siano davvero salutari? In realtà non lo sono, anzi sono loro gli artefici di risvegli dei dolori cervicali e raffreddori. Ma attenzione, non è necessario avere, o accendere, un condizionatore per restare freschi in estate, ci sono piccoli trucchi, stratagemmi usati da sempre che abbiamo dimenticato o solo buone abitudini che possono venirci incontro.

  • Preferite il ventilatore: certamente non farà aria fresca, ma muoverà comunque l’aria allentando un poco la sensazione di calore ed il fastidio dell’afa.
  • Tapparelle giù e persiane chiuse: durante le ore più calde e soprattutto quando il sole batte sulla finestra, abbassate le tapparelle e chiudete le persiane, create insomma il buio, un po’ come facevano le nostre nonne che avevano sempre le case poco illuminate.
  • Create un “bosco”: certo senza esagerare, ma riempite quanto più potete il balcone o il terrazzo con piante, di modo che facciano ombra e al tempo stesso assorbano una parte del calore e dell’umidità.
  • Spegnete tutti gli elettrodomestici in stand-by: dovrebbe essere una sana abitudine da seguire tutto l’anno, ma in particolar modo durante l’estate sarebbe opportuno evitare fonti di calore superfluo come possono essere appunto gli elettrodomestici lasciati in stand-by.
  • Scegliete il bianco: sia nell’abbigliamento che nell’arredo di casa è preferibile scegliere colori chiari, in particolar modo il bianco.
  • Niente docce fredde: meglio fare una doccia tiepida o calda, una volta finito di lavarvi avrete la sensazione di fresco addosso che vi darà refrigerio.
  • Mangiate cibi ricchi di acqua: quindi frutta e verdura ed evitate pietanze troppo laboriose e saporite.
  • La necessità aguzza l’ingegno: e allora provate a creare un condizionatore “artigianale”, mettete del ghiaccio in una ciotola, indirizzatevi il getto dell’aria del ventilatore ed ecco che la stanza sarà inondata di aria fresca.

Ovviamente, e sarà banale dirlo, che è indispensabile che le finestre restino chiuse durante la giornata, per poi essere spalancate le sera e durante la notte così da rinfrescare la casa.