Quando abbiamo a che fare con dolori cronici andiamo sempre alla ricerca di cure naturali, alternative, con le quali poter far a meno dei comuni medicinali. 

Spesso ci vengono in soccorso i classici “rimedi della nonna”, tutti quei suggerimenti che si tramandano di generazione in generazione e che riescono sempre a risolvere i nostri malanni. 

Nello specifico oggi parleremo del sale caldo usato per curare i dolori cervicali, chi almeno una volta nella vita non ne ha mai sofferto? Coloro che si trovano a combattere con la cervicalgia sanno bene quali fastidi possano dare questi dolori, che vanno dalla semplice limitazione dei movimenti all’insorgere di capogiri o vertigini

Vediamo insieme qual è il modo giusto di usare il sale, ingrediente naturale prodigioso , per ottenere risultati ottimali.

Come usare il sale caldo per alleviare il dolore cervicale

Quale sale usare

Innanzitutto capiamo qual è il sale da utilizzare . Questo “ rimedio della nonna” prevede l’uso del sale grosso da cucina, ma è importante prestare attenzione alla sua qualità.

Il sale migliore è quello integrale , che non sia stato sottoposto a trattamenti di raffinazione e che quindi abbia conservato tutte le sue proprietà organolettiche. Ben venga quindi il sale iodato e meglio ancora il  sale rosa dell’Himalaya

Come preparare il sale caldo

Per preparare il sale caldo , basta mettere, in una padella antiaderente, il quantitativo necessario in base alla zona da trattare, potrà essere una manciata se la zona è ridotta, fino a 4 se la parte dolorante è più estesa. 

Raggiunto il quantitativo necessario dovremo scaldare il sale fino a che i granelli iniziano a scoppiettare e a fare un po’ di fumo. 

A questo punto dovremo togliere dalla pentola il sale e trasferirlo in un sacchetto in fibra naturale (cotone, lino, canapa, lana), che dovrà essere ben chiuso, con un nastro o un elastico, affinché i granelli non fuoriescano.

Come usare il rimedio della nonna del sale caldo

Una volta che il sacchetto è pronto sarà sufficiente appoggiarlo sulla zona in si sente il dolore, l’unico accorgimento riguarda la temperatura del sale: se notiamo che per il nostro corpo è troppo calda, attendiamo pochi minuti che sia più adatta ad evitare scottature accidentali.

Quindi dovremo mantenere in posizione il sacchetto di sale caldo per circa 15-20 minuti, il tempo che il sale torni alla sua temperatura naturale. Durante l’applicazione il sale trasferirà nel nostro corpo un calore profondo e asciutto che allevierà i dolori cervicali.

Inoltre durante l’applicazione locale del sale caldo, verrano rilasciate tutte le sue proprietà naturali, dovute alla presenza dei sali minerali , che sono un vero toccasana per il nostro benessere.  

Come ogni rimedio naturale, può essere usato da tutti, grandi e piccini, unico accorgimento, oltre che per la temperatura, è sconsigliato se si soffre di  infiammazioni reumatiche acute o gotta acuta.

Altre indicazioni curative del sale caldo

Oltre che per i dolori cervicali , il sale caldo è utilizzato con successo per la cura dei dolori reumatici, dolori mestruali e renali, mal di denti, sinusite

Questo “rimedio della nonna” è ottimo anche in caso di bronchite e catarro , sarà sufficiente appoggiare il sacchetto del sale caldo sul petto per trarne beneficio; in questo caso potranno essere aggiunte al sale delle gocce di olio essenziale alla menta o all’eucalipto.