Menù

Cardamomo: proprietà e benefici quali sono

Condivisioni
Leggi con attenzione

Il cardamomo è una spezia ricca di proprietà benefiche. Non è molto comune in Italia, ma è un ingrediente davvero indispensabile nella cucina di alcuni paesi (India, Pakistan, Cina, Giappone ecc). Fin dai tempi degli antichi Egizi era utilizzato per rinfrescare la bocca, curare il mal di gola e detergere la bocca. 

Secondo gli antichi precetti indiani dell’ayurveda, il cardamomo è un antidoto eccezionale in caso di punture di scorpione e morsi di serpente. Nell’antica medicina cinese invece, era utilizzato come rimedio per regolare il transito intestinale. Infine, per i Greci e Romani, il cardamomo era utile per combattere l’alitosi.

Il cardamomo era, ed è tutt’oggi una spezia davvero preziosa: è infatti la terza spezia più cara al mondo dopo zafferano e la vaniglia. 

Quando si parla di “cardamomo” si fa riferimento al cardamomo verde. L’ Elettaria cardamomum (nome latino della pianta), si presenta con piccoli frutti secchi di colore verde a sezione triangolare, dei quali si utilizzano i piccoli semi profumati. Appartiene alla stessa famiglia dello zenzero (Zingiberaceae) e vanta di proprietà stimolanti, toniche ed espettoranti. 

Dai semi essiccati si ottiene l’olio essenziale di cardamomo mediante la distillazione in corrente di vapore. Quest’ultimo ha le stesse proprietà dell’olio essenziale di zenzero (ha un’azione carminativa, antisettica, tonica, è utile contro mal di stomaco, alitosi e mal di testa) e si presenta con un colore giallo pallido ed una profumazione dolce.

Cardamomo proprietà

cardamomo proprietà

Credits


Quali sono le proprietà del Cardamomo? Prima di scoprirle, vediamo brevemente cosa contiene:

  • oli essenziali (cineolo, borneolo, terpinolene, geraniolo, mircene, sabinene, nerolo, pinene, linalolo, limonene, alfa-pinene, alfa-terpineolo, canfene);

  • sali minerali (magnesio, potassio, rame, manganese, calcio, fosforo, zinco e ferro);

  • vitamine (A, B1, B2, B3, B6 e C);

  • amido;

  • fitosteroli.

Tutte le proprietà del Cardamomo:

  • Proprietà antisettiche: dovute al cineolo. Il cardamomo è un ottimo rimedio contro le affezioni delle vie respiratorie;

  • Proprietà stimolanti e rinfrescanti: è paragonato alla caffeina anche se è molto meno forte;

  • Proprietà antivenefiche:  in India lo si utilizza come antidoto contro il morso di serpenti velenosi;

  • Proprietà carminative e stomachiche: aiuta a digerire, assorbire i gas intestinali ed è quindi utile contro la pancia gonfia. Viene anche utilizzato come rimedio contro la dispepsia;

  • Proprietà dimagranti: il cardamomo accelera il metabolismo e di conseguenza aiuta a dimagrire;

  • Proprietà antinfiammatorie: viene utilizzato contro le affezioni del cavo orale e le cistiti;

  • Proprietà aromatiche: è un ottimo rimedio contro l’alitosi;

  • Proprietà antispasmodiche;

  • Proprietà antidepressive;

  • Proprietà antiossidanti: grazie alla presenza di vitamine di cui è ricco, il cardamomo aiuta a contrastare i danni provocati dai radicali liberi;

  • Proprietà ipotensive: aiuta a contrastare la pressione alta;

  • Proprietà diuretiche: ottimo per combattere la ritenzione idrica.

Cardamomo benefici: quali sono

c

Credits


Il cardamomo è un valido alleato con cui contrastare i disturbi del cavo orale e della digestione. È indicato infatti per il trattamento di stipsi, dissenteria, acidità gastrica, flatulenza ed emorroidi e per lenire i dolori allo stomaco. Il cardamomo stimola inoltre l’appetito e il metabolismo.

Loading...

I benefici del cardamomo:

  • Il cardamomo possiede proprietà antimicrobiche, ovvero riesce ad inibire la formazione di microrganismi che causano alcune intossicazioni alimentari;

  • Questa spezia aiuta a ridurre l’alito cattivo e stimolare la depurazione dell’organismo;

  • Gli enzimi antiossidanti ed epatici contenuti nel cardamomo riescono ad evitare l’aumento dei lipidi nel corpo e, di conseguenza, il colesterolo cattivo (LDL) non aumenta.

  • Aiuta l’apertura delle vie respiratorie, ed è per questo che viene consigliato in caso di tosse e raffreddore.

  • Le proprietà del cardamomo possono essere sfruttate anche sotto forma di incenso: il suo profumo, infatti, favorisce la concentrazione ed è utile per meditare. Questa spezia è molto utilizzata in aromaterapia, soprattutto sotto forma di olio essenziale. Il suo gradevole profumo dona un senso di appagamento e di serenità. Proprio per questo, in molti a sostengono che il cardamomo sia un antidepressivo naturale;

  • Alcuni studi hanno dimostrato come questa spezia sia in grado di contrastare la formazione del cancro del colon-retto, riducendo le probabilità di ammalarsi del 50%;

  • Tiene sotto controllo la pressione sanguigna, diminuendo il rischio di ipertensione e di problemi cardiovascolari.

  • È ricco di magnesio, un minerale molto importante per l’assorbimento di calcio a livello intestinale, per il corretto funzionamento degli ormoni tiroidei e soprattutto, per un’ottimale regolazione dei livelli glicemici. 

Cardamomo controindicazioni

Le controindicazioni del cardamomo e i possibili effetti collaterali che ne potrebbero conseguire non sono specificatamente noti. Gli unici problemi si potrebbero riscontrare in soggetti particolarmente sensibili, che possono trarre svantaggio dall’effetto stimolante delle sostanze contenute in questa spezia. 

Le persone affette da calcoli alla colecisti, dovrebbero prestare attenzione al cosumo del cardamomo in quanto potrebbero riportare una sensazione di dolore addominale dopo l’ingestione della spezia. Va anche utilizzato con cautela dalle persone affette da patologie alla cistifellea. Infine, si potrebbero riscontrare delle reazioni allergiche (in soggetti sensibili), che si manifestano con difficoltà nella respirazione, orticaria e dolore toracico.

Cardamomo quanto utilizzarne e come conservarlo

Il cardamomo, come tutte le spezie, non va dosato. Di solito se ne usa una piccola quantità nelle ricette o per insaporire le pietanze, ma tutto dipende  dal proprio gusto personale.

La polvere ricavata dai semi di cardamomo va conservata in barattoli con chiusura ermetica in luogo fresco e asciutto. I baccelli si possono conservare in frigo in un sacchetto di carta inumidito per alcuni giorni.

Leggi anche: tisane per dimagrire: ecco le migliori

Leggi anche  5 trattamenti casalinghi per la micosi delle unghie
Loading...
loading...
Advertisement
Top