Menù

Come creare l’acqua alcalina per prevenire il cancro, combattere la stanchezza e i problemi digestivi

Condivisioni
Leggi con attenzione

Hai mai sentito parlare dell’acqua alcalina? No? Gli studiosi dicono che un corpo sano dovrebbe sempre essere leggermente alcalino. La maggior parte delle persone però, al giorno d’oggi, a causa della cattiva alimentazione, dello stress e di alcuni fattori ambientali, hanno un organismo acido (o molto acido). 

Se il nostro organismo ha un pH acido, è molto più probabile che andremo in contro a fatica, problemi digestivi e aumento di peso. Per di più, se l’ambiente del nostro corpo è acido per troppo tempo, le nostre cellule buone potrebbero trasformarsi in cellule cattive e diventare addirittura cancerogene.

Come faccio a sapere se il mio organismo è acido?

scala del ph

Credits


Prima di tutto bisogna sottolineare quali sono i valori della scala del pH. Questa scala va da 0 a 14 (dove 0 è il più acido, 7 è neutro e 14 è il più alcalino). Il nostro organismo è fatto per essere florido in un ambiente leggermente alcalino a 7,4 di pH. Ovviamente non tutti gli organi o sistemi hanno lo stesso livello di pH per funzionare in modo corretto. Ad esempio, la saliva, che serve per digerire gli alimenti, ha un pH leggermente acido (6,5-7,0), mentre la cute ha un pH che si aggira tra i 4-5 e l’apparato digerente ha un pH che varia tra 1,5 e 7,0 (varia in base a ciò che ingeriamo).

ph del corpo

Credits


Ad ogni modo, per determinare se il tuo organismo è acido basterà utilizzare la carta del pH e fare un test della saliva o della pipì (il test è reperibile in farmacia). Se sei sempre affaticato, non hai fiato e spesso hai dolori dopo aver fatto anche solo un minimo sforzo, probabilmente il tuo corpo è acido.

Quando il livello di pH scende (diventando acido), il nostro corpo tenta di regolarsi automaticamente (creando omeostasi) per catturare e immagazzinare sostanze particolarmente acide in organi come fegato, reni e polmoni, tenendo così un pH tra i 7,35 e 7,45. Se il nostro organismo è sovraccarico di sostante acide, con il passare del tempo, se il problema non viene affrontato, queste ultime possono attaccare le cellule sane facendole diventare tossiche. Queste cellule ormai tossiche, possono crescere all’interno del nostro organismo in maniera incontrollata causando il cancro.

I fattori che contribuiscono ad acidificare il corpo

Una dieta squilibrata è il principale motivo di acidosi cronica. Gli alimenti che acidificano il corpo sono: carni rosse, frattaglie, frutta e verdura acerba, gusci di gamberi, granchi, alimenti ricchi di cloruro di sodio, alimenti raffinati (pane bianco, pasticcini, riso bianco, torte), patatine, arachidi, snack, bevande gassate, bevande zuccherate, caffeina, marmellate, conservanti, alcol, prodotti in salamoia, conservanti e additivi.

alimenti acidi

Credits


Per di più, la mancanza di sonno, il fumo di sigaretta, gli estrogeni sintetici, lo stress eccessivo, le emozioni negative ecc, sono tutti fattori che contribuiscono ad acidificare il corpo.

Uno dei migliori metodi per contrastare l’acidosi, oltre a seguire uno stile di vita sano ed equilibrato è integrare nella propria dieta l’acqua alcalina

Come si fa l’acqua alcalina?

Credits


Ingredienti:

Loading...

  • 2 litri di acqua purificata (cioè libera da sostanze chimiche e additivi aggiunti); 
  • 1 limone biologico;
  • 1 cucchiaio di sale dell’Himalaya;
  • 1 brocca di vetro.

Procedimento:

Riempi la brocca di vetro con l’acqua, lava accuratamente il limone, taglialo e aggiungilo dentro l’acqua. Successivamente aggiungi un cucchiaio di sale dell’Himalaya, copri la brocca e lasciala riposare a temperatura ambiente per almeno 24 ore. 

Quando sono passate le 24 ore, si possono consumare 3 bicchieri di acqua alcalina al giorno, preferibilmente a stomaco vuoto, o ancora meglio la mattina appena svegliati.  In realtà, si può anche bere l’acqua alcalina al posto di quella normale. Con il passare del tempo, ti sentirai molto più attivo, il tuo cervello sarà molto più ricettivo e il tuo pH sarà nella norma.

Leggi anche: 5 motivi per cui dovresti smettere di utilizzare il forno a microonde

Loading...
Advertisement
Top